In Gaze and Israel everybody waits for the same waves

309

Un messaggio di pace quello trasmesso dal documentario our God is a Surfer a Gaza Israele. Il tempo è fermo da decenni, la quotidianità dell’individuo è ostaggio dei conflitti che giorno dopo giorno violentano queste terre. Eppure anche in questi luoghi sfregiati nel nome della religione ci sono storie da raccontare, storie scritte nelle scie lasciate da tavole resinate che parlano con l’accento della risacca. Ragazzi e ragazze sulle spiagge si spogliano delle fedi polverose che gravano sulle loro spalle per abbracciare una tavola in un unico credo comune, più semplice, libero e primordiale che li unisce nelle onde la legge del surf.

A message of peace that transmitted by the documentary our God is a Surfer in Gaza Israel. Time has stood still for decades, the everyday life of the individual is hostage to the conflicts that day after day rape these lands. Yet even in these places scarred in the name of religion there are stories to tell, stories written in the trails left by resin boards that speak with the accent of the backwash. Boys and girls on the beaches are stripped of the dusty bands that weigh on their shoulders to embrace a table in a single common belief, simpler, free and primordial that unites them in the waves the law of surfing.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here